Cucina e vini del Garda

Autore: Valli Carlo G.

ISBN13: 9788874131167

  • In Offerta
  • €11,90

  • Prezzo di listino €14,00


Ogni cibo è un derivato del rapporto terra-territorio-colture (P. Camporesi). E' come "un grande codice cifrato". Ogni ricetta è una frase di questo linguaggio e leggere questi messaggi - conveniamo con giovanni Ballerini - è un approccio alla conoscenza dell'uomo, dell'ambiente che lo circonda, del suo faticoso e lento rapportarsi con esso, del manifestarsi del suo destino. L'alimentazione, come si è venuta sviluppando nel Garda porta certamente il timbro impresso dalla natura e dai conseguenti condizionamenti indotti dalla geografia, dalla storia, dalla "dimensione antropologica" dei suoi abitatori. Il Garda non è solo e tanto un bel lago, un orizzonte largo, un paesaggio roseo e gaio con i tratti graziosi e dolciastri che fanno la fortuna dei venditori di cartoline illustrate. Al contrario, è un modo dinamico d'essere della natura, un macrocosmo in movimento che le vicissitudini dell'epopea geologica e fisica e la storia della sua gente hanno permeato di segni che fanno di questa regione una entità geografica autonoma, unitaria seppur composita e contrastante. Non è male conoscerli, questi segni, per decifrare, identificare anche il formarsi dell'etnologia e del costume alimentare di una popolazione.

Carlo G. Valli. Consulente e docente di marketing e comunicazione, si occupa attivamente di tradizioni popolari e storia degli alimenti. E'membro del Direttivo dell'Associazione della Stampa Agroalimentare e fa parte dell'Accademia Italiana della Cucina. Tra le tante sue opere, ricordiamo: Pasta nostra quotidiana (1991, Meb), Belle feste (1992, Meb), Garda, Garda (1995, Meb), Il Garda trentino (1997, Aries), Gli antichi sapori dei mangiari di strada (2003, Cierre).