Cucina sabina

Autore: Truini Palomba M. G.

ISBN13: 9788874132188

  • In Offerta
  • €12,75

  • Prezzo di listino €15,00


“Cecamariti, cordelle, curioli, falloni, fatti e tagliati, frascarelli, fregnacce, frigulozzi, ciufulitti, gnucchitti pilusi, jacculi, mafriculi, ’ngritoli…”: non è un delirio verbale alla Gadda, è una piccola parte delle paste casalinghe descritte e, per così dire, cucinate in questo libro sulla cucina sabina di Maria Giuseppina Truini Palomba: libro che svela molti misteri, gastronomici e non.

Chi voglia rifarsi a ritroso questo cammino storicogastronomico troverà in questo bel libro pietre miliari e cartelli indicatori costituiti, oltre che da notizie storiche ed etniche, dalle tante golose ricette colte nel loro evolvere, cioè nelle numerose varianti che fanno trasparire, tra i fumi stuzzicanti delle padelle, le loro regioni etniche ed economiche: non è infatti mania di accumulo quella che spinge Maria a dare tre ricette di bucatini all’Amatriciana (Amatrice è stata prelevata dall’Abruzzo per la composizione di cui sopra), tre di “carbonare” tra cui una polenta, tre di farro in minestra e due asciutto, quattro di guanciale in padella, dal più immediato al più complesso, e via moltiplicando; è piuttosto la consapevolezza che nelle stratificazioni tecniche all’interno di una ricetta o dell’uso di un materiale, dal più semplice al più elaborato, si leggono in filigrana impercettibili ma importanti dati culturali su un’area, una gente, una economia.


Formato 15x21 cm., copertina con alette

408 pagine

Anteprima: elenco completo delle ricette


INDICE

11 Introduzione 13 Prefazione
31 Sughi
43 Pane e torte salate
55 Antipasti
61 Minestre asciutte e in brodo
153 Carni e frittelle salate 201 Pesci e uova
229 Contorni
273 Dolci
359 Alimenti conservati 369 Marmellate
381 Sciroppi, liquori e varie
393 Indice delle ricette
407 Fonti delle illustrazioni

Maria Giuseppina Truini Palomba, avvocato, delegata di Rieti e Presidente del Collegio dei Probiviri dell’Accademia Italiana della Cucina.

In copertina: L’ulivo più grande e vetusto d’Europa si trova lungo la strada che da Canneto Sabino porta a Talocci.